GRAFTED
05 novembre 2015
Prendi un artista della ceramica, Adam Silverman di Los Angeles,  e "innestalo” con un artista/botanico, Kohei Oda di Hiroshima. "L’ape” che ha fatto sì che tutto questo sia avvenuto si chiama Tamotsu Yagi, designer giapponese di fama internazionale che vive a Venice in California, a pochi passi dalla galleria d’arte Chariots On Fire gestita dalla figlia. Per farla breve, Yagi fa incontrare Adam e Oda (oltretutto con il problema che Oda non sa una parola di inglese) e da lì nasce una mostra e un catalogo/libro di rara bellezza e poeticità. Le piante di Yoda nascono da improbabili innesti tra piante grasse raccolte nei mercati, perchè esteticamente non consone alla vendita, che lui stesso mixa e cuce con altri cactus, anche loro dalle forme bizzarre. Chissà come mai ci vengono in mente subito le mutazioni bio-genetiche dovute alle radiazioni di Fukushima? I vasi di Silverman, invece, sono magiche estrusioni connotate da una forte matericità con un evidente  vocazione alla tecnica del raku e alle silhouette care agli Eams e alle generazioni di designer, americani e non, degli anni ‘40 e ’50. La somma è un piacevole, nonché ammirevole esempio di come due artisti possano insieme far vivere un nuovo mondo, strano, con un lato oscuro tutto da scoprire ed esplorare. Il tutto ha magicamente funzionato, un giardino "weird” pensato e fortemente voluto che ora si può ammirare nelle pagine del libro Grafted (innestato) edito da August Edition, New York.

http://www.adamsilverman.net/
http://qusamura.com/
http://www.amazon.com/Grafted-Plants-Kohei-Pots-Silverman/dp/098599584X



Scritto da: Ikos Staff 
CONDIVIDI:
COMMENTI:
Lascia un Commento
Effettua la Login per scrivere un commento
Login
Non sei ancora un utente registrato?
ARTICOLI CORRELATI